Nuove nomine Parte Militare

  01 Gen 2018



Grandi sono le novità che investono il Comando militare della Nobile parte di Mezzogiorno: cambiano i ruoli del Consigliere Militare e del Luogotenente Generale. I nuovi ruoli sono rivestiti da Marcello Bertini per il Luogotenente e da Roberto Orsini per il Consigliere. La redazione del sito è andata ad intervistarli. Il Generale, Dario del Punta, li ha presentati così:

Generale, quali sono i cambiamenti che porterà con sé questo 2018?
In seguito alla mancata vittoria nello scorso giugno era necessario un cambiamento negli schieramenti del militare e trovare una persona giovane, presente da tanto nel Gioco, che conoscesse perfettamente le dinamiche presenti nel comando militare, una persona vicina al Generale, che portasse aria nuova: Marcello Bertini, che rivestirà il ruolo di Luogotenente.

Generale, ci può presentare il nuovo Luogotenente?
Marcello Bertini è stato magistrato del San Martino, ricostruendo dall’inizio una magistratura che era in difficoltà. È una persona seria, che conosce bene le squadre ed è sicuramente un punto di riferimento per il nuovo anno che verrà.

Luogotenente, che cosa si aspetta dal nuovo anno? Come vive la nomina?
Il nuovo ruolo a me affidato è una scommessa, non siamo marziani, abbiamo conoscenze e informazioni, ma ritengo che il vero cambiamento sia l’atteggiamento nei confronti delle nostre squadre: cercare di essere autorevoli senza per forza essere autoritari. Il tragitto per arrivare tutti insieme ad una meta, condividendo la trasparenza e la lealtà, è lungo e tortuoso, ma il primo valore e attribuire a ciascuno un ruolo, da rispettare, ed agire tutti insieme, senza tramare alle spalle. Non dobbiamo essere sei componenti astratti, ma dobbiamo pretendere di essere ciascuno un sesto di una parte. È proprio il caso di dire che l’unione fa la forza.

Consigliere Militare, lei cosa ne pensa?
Noi vorremmo una collaborazione da parte delle squadre, per raggiungere, prima del Gioco, degli obiettivi comuni intermedi, che possano creare il collante necessario per arrivare uniti e rinforzati in vista del Gioco del Ponte. Tutte le squadre si stanno già allenando con rinnovato ottimismo e l’organico è al completo. Il nostro ruolo è quello di guida, di indirizzo, siamo gente normale che ha vissuto per anni nel gioco, e ci siamo proposti prima di tutto di creare unione e forza tra le squadre ed i magistrati.

Chiara Mariotti